Alexa Custom Assistant, la piattaforma che permette alle aziende di creare un assistente vocale su misura

Sempre più spazio alla personalizzazione vocale per i brand: Amazon lancia Alexa Custom Assistant, una piattaforma basata sulla tecnologia di Alexa che permette alle aziende di creare il proprio assistente vocale su misura.

Che cosa si può rendere custom?

  • wake word, ovvero la parola che attiva il voice assistant;
  • voce, ad esempio maschile, femminile o altro;
  • funzionalità, come consultare un saldo punti.

I brand possono integrare il loro assistente vocale personalizzato su diversi dispositivi, come smart speaker, app mobile e anche altri prodotti.

Fiat Chrysler, ad esempio, è la prima azienda a sperimentare un voice assistant tailor-made inserito all’interno delle auto in produzione: “I nostri clienti si aspettano di avere a disposizione supporti vocali ovunque vadano e noi oggi rispondiamo a questo desiderio offrendo una nuova esperienza creata grazie alla tecnologia AI di Alexa”, dichiara Mark Stewart, Chief Operations Officer di FCA per Stati Uniti e Canada (Fonte: Voicebot.ai). Al momento Alexa Custom Assistant è disponibile negli Stati Uniti, in Canada, Inghilterra, Austria, Francia, Germania, Irlanda, Spagna, Giappone, India, Australia, Nuova Zelanda, Messico, Brasile e Italia.

I vantaggi di utilizzare Alexa per sviluppare un’interfaccia vocale custom

Sono numerosi i motivi per cui un brand dovrebbe investire in Alexa Custom Assistant e in particolare:

  • risparmiare tempo e costi di sviluppo, utilizzando direttamente la piattaforma di Alexa Skills Kit;
  • beneficiare degli aggiornamenti che Amazon apporta al Natural Language Processing (NLP) e alla features di Alexa, per ottenere una User Experience migliore;
  • collaborare con Alexa stessa per soddisfare l’utente, quando un voice assistant custom non può a rispondere a una richiesta, quest’ultima viene inoltrata ad Alexa, che “subentra” per soddisfare l’intento di ricerca. Un esempio? Se stiamo usando il voice assistant custom di un’app di fitness a casa e chiediamo di abbassare la temperatura, Alexa riceverà il comando e modificherà le impostazioni del termostato. E viceversa: se l’utente chiede qualcosa che compete all’assistente vocale custom, Alexa girerà la richiesta a quest’ultimo.

Amazon sta rendendo Alexa un bacino di raccolta per tutte le altre interfacce AI, che diventano “powered by Alexa”. Per non subire la concorrenza di altre piattaforme di sviluppo specializzate in determinati settori di mercato, Amazon vende Alexa “senza Alexa”, lasciando la possibilità di sfruttarne le abilità, se richiesto, in modo da mettere al centro la UX.

Vuoi aggiornarti su tutte le novità dell’universo voice per i brand? Segui il nostro blog!