In arrivo negli Stati Uniti Hunches, la nuova funzionalità per Alexa

Amazon rende Alexa ancora più intelligente, anzi quasi “intuitiva”, con Hunches (letteralmente “intuizioni”, “presentimenti”): si tratta della nuova funzionalità al momento disponibile solo negli Stati Uniti per i device in lingua inglese.

 Come funziona Hunches? Si tratta di un’opzione che, se abilitata dall’app, permette ad Alexa di imparare alcune azioni ricorrenti e di avvisare l’utente quando non si verificano. Un esempio? Se prima di andare a dormire chiediamo ad Alexa di spegnere le luci, ma ci dimentichiamo di chiudere a chiave la porta, il voice assistant ce lo notifica.

Hunches permette di controllare serrature, luci, termostati, elettrodomestici e sistemi di sicurezza, per ottenere una casa davvero smart.

La proattività dei voice assistant apre nuovi scenari conversazionali

Hunches apre nuove possibilità nel rapporto tra voice assistant e utenti: ora il dispositivo potrà  imparare dai comandi più frequenti e verificare se la rete domotica è correttamente settata in base all’orario della giornata. Ma la vera rivoluzione è l’inversione del flusso conversazionale: Alexa, infatti, non risponderà più solo alle richieste o agli ordini degli utenti, ma si offrirà di completare un’azione, o di suggerire una soluzione a un’esigenza, tramite la voce, o con delle notifiche sul nostro smartphone se non siamo a casa.

La conversazione fa un salto di qualità: Alexa diventa a tutti gli effetti un dispositivo di assistenza “in ascolto” dell’utente, anticipandone i  bisogni, proprio come una persona fidata farebbe. Cambia, inoltre, il concetto di “presenza”: l’assistente vocale, in base alle abitudini registrate, capirà quando siamo nella nostra abitazione e quando, invece, siamo fuori e regolerà i dispositivi della smart home di conseguenza. Le Hunches di Alexa potranno rivelarsi dei consigli utili per migliorare la nostra vita quotidiana.

Vuoi tenerti al corrente sulle novità dell’universo voice? Segui il nostro blog!